Odontoiatria: perché tanti preventivi?

Durante la conferenza AIOP, Bruno Vespa e gli esperti del settore si sono confrontati su un tema estremamente di attualità nello scenario odontoiatrico moderno: per quale motivo nel dentale troviamo una così alta competitività tra gli studi con frequente confronto dei preventivi da parte dei pazienti, contrariamente alle altre discipline mediche?

Sicuramente parte del fenomeno è dovuto al valore unitario transazionale che è molto più alto di altre discipline e al fatto che i prezzi – dei materiali e delle prestazioni – hanno un’alta variabilità a seconda dell’esigenza specifica. Ma è soprattutto il percepito delle persone che fa la differenza. Le prestazioni odontoiatriche sono viste appartenenti all’area Wellness più che alle cure mediche, da sempre associate alla salute pubblica: lo specialista in altre branche nasce come medico ospedaliero e da lì poi si sposta, se riesce a crearsi una propria reputazione e fama, all’area privata, alzando i prezzi adeguandoli a quello che è ritenuto “equo” per le visite private specialistiche. Lo specialista odontoiatrico no. Storicamente l’odontoiatria in Italia è sempre stata quasi esclusivamente privata, quindi soggetta alle regole della competizione e all’abitudine di una certa “personalizzazione” delle tariffe, nonostante le direttive standard dell’ordine medico.

E proprio perché Wellness e non cura medica, il paziente in generale crede di essere in grado di giudicare e valutare la proposta di cura e di prezzo che riceve. Ecco allora il confronto sul prezzo più che sulla prestazione, il fiorire di preventivi online, il nascere del turismo odontoiatrico.

L’evoluzione odierna della comunicazione ha poi contribuito ad esasperare ancor più il fenomeno. Con l’avvento di una comunicazione massiva improntata su prezzi e promozioni, l’opinione pubblica si è spinta verso un atteggiamento diverso, più cliente che paziente.

In tutto questo, i dentisti devono fare un grande sforzo per spiegare bene e correttamente il valore e l’importanza di quanto propongono, per creare quella fiducia necessaria a fare la differenza tra un preventivo e un piano di cure.

2017-12-07T16:38:25+00:00dicembre, 2013|Ricerche di mercato|